Biblioteca Metropolitana Emilio Lussu

Scienza e fantascienza tra conoscenza, inquietudine e meraviglia: 10° incontro

Posted in News 2016 by Biblioteca Metropolitana Emilio Lussu on 3 maggio 2016

Giovedì maggio alle ore 18 decimo appuntamento della rassegna culturale Scienza e fantascienza tra conoscenza, inquietudine e meraviglia promossa dalla Biblioteca Provinciale nell’ambito dei programmi di promozione della lettura, ideata e coordinata dal giornalista scientifico Roberto Paracchini.

Il decimo incontro-dibattito si terrà presso la sala conferenze della Biblioteca Provinciale, parco di Monte Claro, ingresso in auto e a piedi da via Mattei.

Titolo dell’incontro: L’intelligenza artificiale come realtà e la fantascienza come prefigurazione di futuri che la scienza sviluppa e verifica. Gli scrittori di fantascienza più spregiudicati e arditi sono spesso gli stessi scienziati che immaginano ipotesi “fantascientifiche”  prima di averle scientificamente sviluppate e verificate. Ma come avviene questo processo prendendo le mosse, per esempio, da uno dei discorsi oggi più presenti nel dibattito interdisciplinare contemporaneo, quello dell’intelligenza artificiale?
Di questi argomenti si parlerà col filosofo della scienza Silvano Tagliagambe nell’incontro di giovedì 5 maggio prendendo spunto dal libro di  Ted Chiang Il ciclo di vita degli oggetti software. Negli anni Cinquanta Alan Turing ipotizzava di poter far “crescere” un’intelligenza artificiale istruendola come se fosse un bambino, fornendole i migliori organi sensoriali per mettere la macchina in contatto col mondo e cominciando a insegnarle a parlare e a capire il linguaggio umano. Ma come sarebbe, davvero, allevare un’intelligenza artificiale nel mondo contemporaneo, nell’era di internet fatta di società startup, di giochi di ruolo online, di software open source? Ted Chiang racconta la storia di due persone e del loro particolarissimo “cucciolo”, descrivendo i particolari e gli inevitabili problemi che dovranno affrontare, come gli aggiornamenti dell’hardware e l’obsolescenza del software. Contemporaneamente l’autore propone una riflessione sulla reale differenza tra intelligenza e potenza di calcolo e su cosa significhi davvero rapportarsi con un’entità artificiale.

Silvano Tagliagambe, filosofo della scienza, già docente alla Sapienza di Roma e cofondatore della facoltà di Architettura di Alghero, ha sviluppato un’importante e originale riflessione sul “confine” delle scienze e sugli spazi di intermediazione interni al nostro vivere sociale e quotidiano, e mostrato come scienze, arte e letterature siano oggi sempre più parte di un circuito virtuoso in cui le linee di confine vanno completamente riviste.
L’incontro dibattito sarà coordinato da Roberto Paracchini (ideatore della rassegna), col supporto di Rossella Briganti che illustrerà il libro.

Comunicato decimo incontro [file .pdf]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: